Un paese di morti

POST di Gian Paolo 300x284 Un paese di morti Romano Pisciotti
POST di Gian Paolo

Riprendo un post dell’amico Gian Paolo pubblicato su

Facebook aggiungendo questi commenti:

cimitero1 300x169 Un paese di morti Romano Pisciotti
Cimitero

cimitero2 300x169 Un paese di morti Romano Pisciotti cimitero3 300x169 Un paese di morti Romano Pisciotti

Guardo queste foto, che commento si può fare a questo degrado?

Abbiamo abbandonato i vivi, possiamo pensare ai morti? E’ ovvio che le priorità del Paese siano ben altre che la tutela delle tombe…se pur di personaggi illustri.

Lasciatemi dire che poco importano i nomi degli inquilini di quelle eterne dimore, il rispetto verso i defunti è un dovere per noi: figli o nipoti o, comunque, cittadini del mondo.

Neppure importa se si è credenti in un Dio, nella vita eterna o che altra attesa abbiamo dopo la vita terrena: ogni civiltà ha onorato i propri morti, essi sono il passato e la storia di ogni popolo.

Se quei morti hanno uno spirito, riposerà da qualche parte, ma non è dell’anima o del corpo che dobbiamo avere ricordo per quei defunti, bensì della loro trascorsa esistenza terrena. Se, da vivi, hanno fatto grande la nostra civiltà e il nostro paese, a maggior ragione, di quei morti, ne dobbiamo tenere “vive” le gesta.

Il degrado, che abbiamo davanti agli occhi, non è solo attività del tempo e non è colpa solo dei pochi finanziamenti: tenere ordinato e pulito un cimitero è anche un gesto di umana civiltà, possibile per ogni visitatore…forse ci sono rimasti pochi visitatori e meno ancora memoria.

Forse è rimasta poca gente a credere ancora nei valori di un popolo e nella sua storia, sembra che “abbiamo” deciso di non difendere più il futuro dei nostri giovani e “abbiamo” abbandonato i nostri vecchi; mi chiedo se questo dipenda dalla crisi del Bel Paese o se siamo entrati in crisi proprio perché “abbiamo” abbandonato i valori, la cultura e l’orgoglio della nostra civiltà per diventare un paese di morti…abbandonati.

Romano Pisciotti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *