“Festung Europa”

6 giugno 1944, sulle spiagge della Normandia c’eravamo anche noi

(da ITALIANI IN GUERRA)

La presenza militare italiana a difesa della “festung Europa” la fortezza europa come la definiva Hitler darà il suo contributo anche nei giorni successivi allo sbarco quando le forze armate germaniche cercarono disperatamente, in parte riuscendoci a rallentare l’avanzata degli alleati. Nelle tre divisioni corazzate delle SS mandate da Hitler per «ricacciare in mare» le truppe sbarcate erano presenti dei contingenti di volontari italiani e in tanti perderanno la vita.

All’ alba del D-Day negli scacchieri di Omaha, Utah, Juno e Gold c’ erano almeno cinque unità italiane in armi. Fra di essi i mitraglieri aggregati al 736º granatieri, quasi tutti bersaglieri che tentarono un disperato contrattacco e gli artiglieri del 1261º impegnati contro la più grande flotta di tutti i tempi. Nel settore Utah, in un bosco dietro al forte di Marcouf, la quarta batteria – personale italiano e comando tedesco – distrusse un cacciatorpediniere: «Centrammo un colpo dopo l’ altro – ha scritto il colonnello Triepel -. Uno spezzò il timone, perché la nave cominciò a sbandare. Poi sprofondò di prua».

Romano Pisciotti: surfing the web

6 giugno 1944, sulle spiagge della Normandia c’eravamo anche Noi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.