“Ne bis in idem”…not twice about the same

Bandiera Inglese e italiaa Ne bis in idem...not twice about the same Romano Pisciotti
not twice about the same
Literally translated ne bis in idem meansnot twice about the same’. Put simply—a closer look below will reveal complications—the principle provides that nobody should be judged twice for the same offence. Historically, the principle derives from the Roman law maxim bisde eadem re ne sit actio.

Schermata 2021 03 27 alle 09.15.11 Ne bis in idem...not twice about the same Romano Pisciotti

The Grand Chamber of the of the  Court of Justice, is hearing today two very important cases that relate to the principle of non bis in idem in competition and regulatory proceedings (there has been a flux of such cases recently). Case C-117/20 is about whether that principle applies between regulatory and competition proceedings, where the same facts may be examined under two different legal regimes. There are also interesting questions about limitations on the freedom to conduct business, protected by Article 16 of the Charter of Fundamental Rights. These are particularly critical questions for the enforcement of the future Digital Markets Act. Case C-151/20 is about non bis in idem as between national and EU competition law-based proceedings. Particularly interesting is a question whether the above principle applies to the case of immunity recipients, where no fine has been imposed, yet there is a finding of infringement. The fact that these cases are heard by the Grand Chamber may mean that the Court could revisit its Toshiba case law, where it adopted a very conservative and restrictive interpretation of double jeopardy in competition cases. I think it’s about time to align the EU case law on this matter.
FROM:lin Ne bis in idem...not twice about the same Romano Pisciotti
Traduzione:
La Grande Sezione del Court of Justice of the European Union sta ascoltando oggi due casi molto importanti che riguardano il principio del non bis in idem nei procedimenti in materia di concorrenza e regolamentazione (recentemente si è avuto un flusso di tali casi). La causa C-117/20 riguarda l’applicazione di tale principio tra procedimenti normativi e di concorrenza, qualora gli stessi fatti possano essere esaminati nell’ambito di due regimi giuridici diversi. Vi sono anche interessanti domande sulle limitazioni alla libertà di condurre affari, tutelate dall’articolo 16 della Carta dei diritti fondamentali. Si tratta di questioni particolarmente critiche per l’applicazione della futura legge sui mercati digitali. Il caso C-151/20 riguarda il non bis in idem tra procedimenti nazionali e comunitari basati sul diritto della concorrenza. Particolarmente interessante è la questione se il principio di cui sopra si applichi al caso dei beneficiari dell’immunità, in cui non è stata inflitta alcuna ammenda, ma vi è una constatazione di infrazione. Il fatto che tali cause siano state eseudite dalla Grande Sezione può significare che la Corte potrebbe riesaminare la sua giurisprudenza Toshiba, in cui ha adottato un’interpretazione molto conservatrice e restrittiva della doppia incrivizione nelle cause in materia di concorrenza. Penso che sia giunto il momento di allineare la giurisprudenza dell’UE in materia.
Presented by Romano Pisciotti

Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo

“La situazione impatterà in modo particolare su quelle aziende che avevano optato per una catena della fornitura corta e non dispongono di un ampio stock di prodotti”

ever1 Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo Romano Pisciottiever4 Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo Romano Pisciotti

=====================================================================

Romano Pisciotti: Ci siamo ubriacati di “just in time” di teorie sulla fabbrica “magra” e per mettere in atto queste false promesse di utili mirabolanti abbiamo messo in atto una globalizzazione selvaggia, piegata più alla fantafinanza e agli utili a breve termine, senza pensare al “sistema paese” e alla stabilità economica.

La riduzione dei costi…ci costa lacrime e sangue ogni volta che salta una rotella del diabolico ingranaggio.

globa Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo Romano Pisciotti

Assembliamo auto con parti costruite in Cina o rimbalziamo per mezzo mondo macchinari che aggiungono quote di valore in una catena che unisce bassi costi di produzione e grandi rischi, disoccupazione nei paesi industrializzati e, spesso, bassa qualità.

Per alimentare la teoria della globalizzazione abbiamo dovuto abbattere i costi di trasporto costruendo mega navi, spesso messe in cantiere con sovvenzioni pubbliche, abbiamo modificato porti, sempre con spesa pubblica, per ricevere questi giganti del mare…tutti pagheremo per una folata di vento che ha messo in difficoltà la “EVER GREEN.”

I marittimi hanno già pagato in termini di riduzione del personale a bordo e riduzione di stipendi, per rincorrere, al ribasso, le paghe di marinai d’acqua dolce.

Abbiamo creato un sistema che premia gli azionisti e distribuisce i costi su tutti.

Abbiamo globalizzato le pandemie e i disastri tenendoci l’incubo della disoccupazione…e tante altre rogne. Il conto economico, a livello mondiale, quadra, mentre noi affondiamo in questo mare grande che non rispetta confini, leggi o il benessere sociale.

=====================================================================

“La corsa al gigantismo navale, che continua a caratterizzare la strategia dei grandi gruppi che controllano il trasporto di merci in container (e quindi di tutti i principali beni di consumo), e che sono impegnati da anni a ordinare navi portacontainer sempre più grandi, ha creato un circolo vizioso che sta facendo emergere una fragilità senza precedenti storici nel mercato marittimo. In 5 anni la flotta mondiale per il trasporto merci è cresciuta del 37%, con tassi annuali anche del 10%, a fronte di una recessione economica mondiale e di una flessione nel tasso di sviluppo anche della Cina, oltre che dei principali Stati che avrebbero dovuto alimentare il rilancio dell’economia globale. 10% annuo contro una crescita media del 2% nel Pil mondiale. In queste cifre sono sintetizzati interrogativi inquietanti relativi alla corsa, tutt’oggi in atto, a nuove navi sempre più grandi e alle conseguenze che questa corsa genererà anche in sistemi paese…”

(Convegno Federagenti dedicato al tema delle grandi navi)

ever3 Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo Romano Pisciotti

=====================================================================

Il blocco del canale di Suez causato dall’incagliamento di una delle più grandi navi al mondo, la portacontainer Ever Given della compagnia Evergreen, sta generando un vero e proprio effetto valanga su tutto il commercio globale, e in particolar modo su quello europeo. E di conseguenza anche il porto di Genova, il primo porto del paese, osserva con “orrore” le notizie in arrivo dall’Egitto, dove la situazione sembra essere, paradossalmente, “in alto mare”.

Un vero tsunami su tutta la filiera italiana – sottolinea Giampaolo Botta, direttore generale di Spediporto – la situazione potrebbe risolversi tra diversi giorni e provocherà seri problemi per la gestione delle scorte. Da Suez passano ogni settimana circa 50 mila contenitori diretti in Europa, e questo blocco sta facendo saltare tutte le schedule e le programmazioni, con attese dilatate anche di giorni“. Molte navi, infatti, stanno optando di aggirare il blocco rispolverando l’antica rotta di circumnavigazione dell’Africa “con un allungamento dei viaggi di 7-8 giorni – sottolinea Botta – cosa che con ogni certezza farà registrare rincari sul costo della merce trasportata“.

ever2 Una dimostrazione di quanto siamo dipendenti da quello che succede nel mondo Romano Pisciotti

Ma non solo: “Una volta che la situazione si sbloccherà Suez bisognerà capire come ripartirà al programmazione, con un probabile aumento dei noli e problemi con la gestione dei container vuoti“. Una situazione che con buone probabilità porterà a congestionare i porti con gravi conseguenze sulla logistica sia in banchina che sulla strada. “Sarà un’ulteriore mazzata per il settore del trasporto – ci spiega Giuseppe Tagnocchetti di Trasportounito – già ora, in termini di mancanza di lavoro, visto che stanno saltando gli sbarchi, e dopo perchè si teme la congestione dei terminal, con lunghe attese dei nostri trasportatori che quindi lavoreranno in diseconomia e con pesanti disagi“.

Insomma una vera è propria bufera incastonata nel Mediterraneo e che, secondo Bloomberg, costa 9,6 miliardi di dollari al giorno: attraverso il canale di Suez passa il 12% del commercio marittimo mondiale, e l’8% del trasporto petrolifero. Dirette al nostro paese passano merci per un valore di 88 miliardi l’anno, vale a dire 241 milioni al giorno: “La situazione impatterà in modo particolare su quelle aziende che avevano optato per una catena della fornitura corta e non dispongono di un ampio stock di prodotti – sottolinea Nicola Capuzzo

Blocco del canale di Suez: effetto tsunami sul porto di Genova

Radio school

In 1937, a severe polio epidemic hit the U.S. At the time, this contagious virus had no cure, and it crippled or paralyzed some of those it infected. Across the country, playgrounds and pools closed, and children were banned from movie theaters and other public spaces. Chicago had a record 109 cases in August, prompting the Board of Health to postpone the start of school for three weeks.

This delay sparked the first large-scale “radio school” experiment through a highly innovative – though largely untested – program. Some 315,000 children in grades 3 through 8 continued their education at home, receiving lessons on the radio.

REMOTE LEARNING

 

 

 

Presentato da Romano Pisciotti

Buona salute!

Joe Biden, il presidente scivola tre volte sulle scalette dell’Air Force One

IMG 4361 704x1024 Buona salute! Romano Pisciotti

Scaletta 768x530 Buona salute! Romano Pisciotti

Lo scivolone ha sicuramente riportato in auge i dubbi sulla salute del 77enne, un tema che lo stesso Trump ha più volte riproposto in campagna elettorale.Non è la prima volta che Biden fa degli svarioni. Il Daily Mail propone un lungo elenco che va dalle gaffe sulle minoranze, come quando in Iowa davanti alla Commissione Asia-Latinos sostenne che “i bambini poveri sono intelligenti e talentuosi come quelli bianchi”, fino all’errore storico di dire che era vicepresidente durante la sparatoria alla Parkland school avvenuta nel 2018, confondendo l’evento con la tragedia avvenuta nel dicembre 2012 alla Sandy Hook Elementary School in Connecticut.E ancora quando il 24 agosto ha scambiato il New Hampshire per il Vermont. O il 25 settembre quando Biden è sembrato confuso sul nome dell’ultima nomina a giudice della Corte Suprema scelto da Obama. A febbraio, poi, aveva dichiarato di aver lavorato con il leader cinese Deng Xiaoping all’accordo sul clima del 2015, ma Deng è morto nel 1997.Nel corso di un comizio lo scorso 4 marzo ha confuso la miglie con la sorella. E ad aprile è sembrato dimenticare il nome di Obama durante un dibattito sulla Crimea.

 ….ALTRO:

…scivolone di Biden in tv: chiama Trump George

Nel corso di un’intervista tv il candidato Democratico alla Casa Bianca Joe Biden ha commesso una gaffe che né lo sfidante Donald Trump né il web e i social hanno intenzione di fargli passare liscia. “Ancora quattro anni di George…ehm George e saremo nella posizione che se Trump verrà rieletto ci troveremo in un mondo diverso”, ha detto Biden mentre la moglie Jill sembrava suggerirgli il nome giusto dell’inquilino della White House.Il presidente uscente Donald Trump non si è lasciato sfuggire l’occasione per ridicolizzare il rivale e su Twitter ha scritto “Joe Biden mi ha chiamato George ieri. Non è riuscito a ricordarsi il mio nome

La gaffe di Biden è stata immediatamente ripresa dai social network dove molti utenti hanno attaccato il candidato sostenendo che Biden avesse scambiato Trump per George Bush e ipotizzando che soffra di demenza.

 

Romano Pisciotti: SMILE

Il killer Putin e la buona salute di Biden

 

L’analisi della sortita di Biden fatta da Dario Fabbri:

Schermata 2021 03 19 alle 09.02.59 Il killer Putin e la buona salute di Biden Romano Pisciotti

“….gli Stati Uniti necessitano di trasferire all’esterno il malessere che vivono internamente affinché questo non provochi impasse. Tutt’oggi la Russia rappresenta il nemico più facilmente intelligibile dall’opinione pubblica d’Oltreoceano, perfetto per convogliare su di esso la rabbia di dentro.

Biden ha voluto anche smorzare l’entusiasmo di molti paesi europei per il vaccino russo Sputnik V, con l’obiettivo di colpire il soft power del Cremlino. Di fatto il presidente statunitense invita i governi del Vecchio Continente a ponderare la propria scelta in merito, segnalando che trattasi di vaccino prodotto da un paese guidato da un “killer”…..”

“….Dopo 24 ore di totale sconcerto diplomatico a Mosca, Vladimir Putin la butta in psicologia e spiega che Joe Biden gli ha dato dell’assassino perché è lui a sentirsi tale. Augurando ironicamente ‘buona salute’ al collega americano, il presidente russo si è appellato a un modo di dire “che usavamo tra bambini nel cortile, quando si litigava: chi ti chiama con un nome si sta dando quello stesso nome”. In pratica, l’italico bue che dà del cornuto all’asino…..”

 

Per registrarti alla newsletter clicca qui.
PER ABBONARTI ALLA VERSIONE ONLINE DI LIMES CLICCA QUI.

Per abbonarti alla versione cartacea di Limes clicca qui.

Buona lettura
Niccolò Locatelli
Coordinatore di Limesonline

 

Romano Pisciotti like LIMES

Il pregiudizio

Confrontiamo una terzina Dantesca con una citazione di Einstein

Pd I – 88,90

e cominciò: «Tu stesso ti fai grosso col falso imaginar, sì che non vedi

ciò che vedresti se l’avessi scosso.

e cominciò a dire: «Tu stesso ti impedisci di capire pensando cose false, così che non vedi ciò che invece vedresti se avessi scacciato questo pregiudizio.

E’ più facile disintegrare un atomo che un pregiudizio
Albert Einstein

Schermata 2021 03 15 alle 09.21.04 Il pregiudizio Romano Pisciotti

“Il pregiudizio è un processo che porta ad attribuire a una persona sconosciuta i tratti e le caratteristiche ritenute tipiche del suo gruppo di appartenenza”
Il pregiudizio può essere sia negativo sia positivo, si può avere una immagine o positiva o negativa rispetto a una categoria di persone e di conseguenza si opereranno comportamenti positivi o negativi verso quella categoria, se il pregiudizio è molto negativo si può arrivare alla discriminazione. Il pregiudizio può essere considerato come un fenomeno ordinario e quotidiano, riscontrabile tra la gente comune che deriva probabilmente dagli stessi processi cognitivi e sociali che influenzano tutti gli aspetti della nostra esistenza. Esso riflette i processi cognitivi in quanto è un prodotto della nostra percezione del mondo e del tentativo di dargli un senso. L’attivazione e l’applicazioni di categorie e di stereotipi avviene in modo automatico e inconsapevole.
Molti esperimenti nella letteratura confermano che lo stereotipo di un gruppo sociale sia difficile da cambiare, in quanto vengono alimentati da nuove informazioni negative e non vengono neppure attivati quando le informazioni sono positive.
Perciò è molto più facile confermare uno stereotipo piuttosto che smentirlo. Si ottiene così un circolo vizioso che funziona come una profezia che si autoavvera: la categorizzazione, la formazione di preconcetti, la conseguente attuazione di comportamenti e la conferma delle aspettative iniziali.
“l’attivazione di una precisa aspettativa produce comportamenti e atteggiamenti coerenti con essa, che a loro volta sono in grado di produrre le basi per una conferma dell’aspettativa stessa”

Romano Pisciotti: navigando il web

Romano Pisciotti copia Il pregiudizio Romano Pisciotti
Romano Pisciotti

Il suo profilo da moneta imperiale romana è stata la filigrana di un’epoca ormai morta.

“Due erano allora le correnti di pensiero su Gianni Agnelli, che mi paiono rimaste identiche anche oggi. Una, salottiera, sintetizzata dal titolo scalfariano “Avvocato panna montata”, che lo ferì: giudizio banale, ingeneroso. L’altra, agiografica, che lo descriveva come il più grande imprenditore italiano del Ventesimo secolo. Giudizio altrettanto banale che lui stesso, cinico uomo di mondo, avrebbe rifiutato con ironia.

 

Neppure fu l’uomo moderno, kennediano, visionario descritto dagli stranieri, forse in contrapposizione all’italiano medio.”

Da : “Vi racconto il Gianni Agnelli che ho conosciuto”
Di Riccardo Ruggeri

 

Presentato da Romano Pisciotti

CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE?

LA FIAT NON ESISTE PIU’

COME SE NE SONO ANDATI MOLTI PROTAGONISTI DEL PASSATO

MA SE SI POTESSE SCEGLIERE IL NUOVO PRESIDENTE

CHI SCEGLERESTE?

valletta CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Valletta

FIAT 500 CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

 

Gianni CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

L’ Avvocato

130 CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

Ghidella CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Ghidella

thema CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

Romiti CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Romiti
Giovannino CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Giovannino
Umberto CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Umberto
Susanna CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Susanna
Lapo CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Lapo

RENEGATE CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

marchionne CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Marchionne
Elkan CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
J. Elkan

LOGO CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

 

Andrea CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti
Andrea

 

500 CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

500 NUOVA CHI SCEGLIERESTE COME PRESIDENTE? Romano Pisciotti

 

FATE LA VOSTRA SCELTA E SCRIVETELO NEI COMMENTI

Romano Pisciotti

GIANNI AGNELLI…ENZO FERRARI…LA NUOVA MONOPOSTO

La “storia d’amore” tra la Ferrari e la Fiat nasce il 18 giugno del 1969, quando il “Drake” cede a Gianni Agnelli il 50 per cento dell’azienda, mantenendo tuttavia il controllo della gestione sportiva.

Il primo successo della “joint venture” tutta italiana arriva nel 1975: Niki Lauda si aggiudica il titolo piloti e insieme a Clay Regazzoni quello costruttori, che vinceranno anche i due anni successivi. L’austriaco si ripeterà nel 1977.

Nel 1988, dopo la morte di Ferrari, la Fiat diventa l’azionista di maggioranza della casa di Maranello.

enzo ferrari GIANNI AGNELLI...ENZO FERRARI...LA NUOVA MONOPOSTO Romano Pisciotti

gianni GIANNI AGNELLI...ENZO FERRARI...LA NUOVA MONOPOSTO Romano Pisciotti

Dal 1999 al 2004 Schumacher vince 5 campionati del mondo piloti e 6 costruttori (con l’aiuto di Eddie Irvine e soprattutto Rubens Barrichello). Agnelli muore il 24 gennaio del 2003.

ferrari GIANNI AGNELLI...ENZO FERRARI...LA NUOVA MONOPOSTO Romano Pisciotti

 

2021:

ELKAN GIANNI AGNELLI...ENZO FERRARI...LA NUOVA MONOPOSTO Romano Pisciotti

 

 

Romano Pisciotti, LIKE

GLI SPRECHI DELLO STATO COSTANO IL DOPPIO DELL’EVASIONE

L’evasione fiscale e contributiva presente nel nostro Paese – pari, secondo i dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze, a circa 110 miliardi di euro all’anno – ammonta a poco più della metà degli sprechi, degli sperperi e delle inefficienze causate dal cattiva gestione della nostra Pubblica Amministrazione (PA) che, la CGIA, stima in oltre 200 miliardi di euro all’anno.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

retino GLI SPRECHI DELLO STATO COSTANO IL DOPPIO DELLEVASIONE Romano Pisciotti

 

ROMANO PISCIOTTI: l’evasione fiscale è dedotta, spesso basata su denunce della G. d F. che vengono, poi, smentite in tribunale; gli sprechi dello Stato sono una spesa reale.