Super Truck ALFA ROMEO

ItEng.version Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
It:Eng.version

Beautiful rendering … Alfa Romeo, icon and fantasy … for a probable future?

THE SUPER TRUCK 1024x671 Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
THE SUPER TRUCK

 

… would be a splendid return to the glories of Alfa Romeo’s past

Autocarri Alfa Romeo Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
Autocarri Alfa Romeo

Guardando la cronologia dei camion Alfa Romeo non può non saltare all’occhio come la Casa del Portello sia stata, dopo la Fiat (e considerando per questa la continuità con l’Iveco), il più longevo costruttore italiano di veicoli industriali: il primo camion Alfa è del 1914, l’ultimo del 1988. Eppure, nonostante settantaquattro anni di produzione, il camion non è un veicolo che il pensiero collega automaticamente al marchio Alfa Romeo. E magari, pur ricordando qualche mezzo da lavoro con il marchio del Biscione, molti collegheranno il concetto di “camion Alfa” soltanto ai tanti veicoli leggeri e medio-leggeri che, dall’inizio degli anni Sessanta fino a metà degli Ottanta, hanno costituito la produzione camionistica della Casa.

ALFA Romeo 950 Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
Afa Romeo 950

Scoprire che, per un trentennio, l’Alfa ha prodotto camion veri e propri, omologati per il peso massimo concesso dal Codice dell’epoca e spinti da grandi motori diesel, sarà per molti una sorpresa.

Furgone Alfa Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
Furgone Alfa

Looking at the history of the Alfa Romeo trucks, it can not fail to notice how ALFA was, after Fiat (and considering the continuity with Iveco), the longest-built Italian industrial vehicle manufacturer: the first Alfa truck Romeo is from 1914, the last of 1988. Yet, despite seventy-four years of production, the truck is not a vehicle that thought automatically links to the Alfa Romeo brand. And maybe, even if we remember some means of work with the Italian brand, many will link the concept of “Alfa truck” only to the many light and medium-light vehicles that, from the early sixties to the mid-eighties, formed the production House truck.

Camion Alfa Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
Camion Alfa

Discovering that, for thirty years, Alfa has produced real trucks, approved for the maximum weight granted by the Code of the time and driven by large diesel engines, will be a surprise for many.

Alfa Romeo Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
Alfa Romeo

Presentato da Romano Pisciotti

Motor Parts Industry – IVECO Dealer

Lagos, Nigeria

italmotor@gmail.com

ITALMOTOR Ltd.

cnk Super Truck ALFA ROMEO Romano Pisciotti
IVECO Nigeria

Non è tutto oro

Aggiorno il post ( che lascio invariato sotto a questo aggiornamento) dopo qualche giorno dalla scomparsa di Marchionne. Ho letto sui social tanti messaggi di cordoglio che ricordavano il suo lavoro, ma ho letto anche molti commenti negativi sull’attività di questo manager: esagerati, a mio avviso, in entrambi i sensi.

Sicuramente gli va riconosciuto il merito di aver salvato la FIAT, mentre le critiche riguardano l’ulteriore abbandono dell’Italia da parte del Gruppo. Effettivamente l’impegno sul versante americano è stato notevole e la strategia del Gruppo ha continuato a interessare altri siti produttivi fuori Italia, dunque, l’Italia non è più il paese del core business di FIAT e neppure la sede legale e finanziaria principale. Giusta o sbagliata che possano essere state queste strategie, è ovvio che il Gruppo abbia sfruttato tutte le opportunità offerte dalla globalizzazione, dall’Unione Europea, dalle sovvenzioni dei vari paesi e dalle nuove normative sul lavoro.

Le critiche riguardano maggiormente i contratti di lavoro, ma prescindendo dalle giustificazioni circa la convenienza aziendale, è altrettanto vero che nulla è stato fatto in modo illegale e le critiche andrebbero fatte, (…se tutto ciò è ovviamente a svantaggio delle maestranze) ai governi, ai sindacati e al mondo globalizzato che hanno concesso, avvallato o perorato queste forme di riforme e filosofie post industriali.

Ovviamente le nuove regole del gioco andrebbero viste anche alla luce della coscienza, e della convenienza per il “sistema paese” (il nostro) tanto più che l’Italia ha sempre sostenuto l’azienda FIAT per il principio che “ciò che è buono per FIAT è buono per il paese.”

Personalmente mi hanno infastidito le acclamazioni esagerate nei confronti di questo manager, quasi chiedendo la sua santificazione e ancor più mi preoccupa l’evidenza che, come un tempo si cercavano gli eroi e le narrazioni epiche, troppo spesso solo per cercare l’approvazione popolare in poco edificanti situazioni, oggi si cerchi il manager-eroe per coprire le nefandezze di un mondo che si è globalizzato in modo scomposto, senza regole e privo di idea sociale.

Santo subito 232x300 Non è tutto oro Romano Pisciotti
Santo subito

 

 

 

FIAT Non è tutto oro Romano Pisciotti

Nonostante i successi nelle vendite, Fiat e Lancia chiuderanno con utili operativi in rosso anche nel 2019 e per quest’anno l’Alfa Romeo lavorerà in perdita.

 

ALFADINO. PNG 169x300 Non è tutto oro Romano Pisciotti
AL(F)ADINO

 

Negli stabilimenti di casa si continua a fare cassa…integrazione!

FCA Italy, con attività industriali in vari paesi, non partecipa ai successi del Gruppo date le sue perdite: sei miliardi dal 2012.

 

500 300x300 Non è tutto oro Romano Pisciotti
500

I “piemontesi” sembrano aver trovato…l’America con i marchi Jeep e RAM, nel pacchetto dell’acquisto di Chrysler.

Mike Manley (“Head of Jeep Brand” dal 2011) si è guadagnato sul campo la nomina ad amministratore delegato di FCA.

L’acquisto in liquidazione della Chrysler, con i suoi marchi storici, è stato il vero affare di Marchionne.

 

Da Zurigo non arrivano notizie confortanti sull’ex timoniere del Gruppo, al quale va riconosciuto il merito di aver salvato FIAT dal fallimento anche se da tempo, la storica azienda, non è più un “ miracolo italiano”

 

Auguri a Sergio Marchionne.

Sergio Marchionne Non è tutto oro Romano Pisciotti
Sergio Marchionne

(Romano Pisciotti)