The History of IVECO

Founded in 1899 in Turin, Italy, by a group of engineers and investors including Giovanni Agnelli, the first vehicle built by Fiat (Fabbrica Italiana di Automobili Torino) was a car. The firm soon branched out, though, into trucks and buses. In 1903, Fiat produced its first commercial vehicle, and in 1929 a specialist industrial vehicle division, Fiat Veicoli Industriali, was created.
In 1933, Fiat acquired OM, a truck, car and farm machinery maker. The company continued developing its passenger and goods vehicle businesses, and in 1966 made a further purchase, that of UNIC, a French manufacturer of trucks. Three years later the automobile, truck, bus and defence vehicle maker Lancia was acquired by Fiat.
In 1974, Fiat became the majority shareholder of Magirus Deutz, a German bus, truck and fire equipment manufacturer. The following year marked the birth of IVECO, when Fiat Veicoli Industriali brought together its own and acquired brands under a single entity, taking its name from the initials of the Industrial Vehicles Corporation it created.
In 1978, the IVECO Daily, the first light goods vehicle to be produced under the IVECO name, was launched, while two years later the company unveiled the first turbo diesel engine for heavy goods vehicles.

In 1986, IVECO acquired the Italian company Astra di Piacenza, a specialist in trucks for heavy quarrying and mining operations. In the same year, it entered into a joint venture with Ford’s truck operations, creating IVECO Ford Truck, a business of which it ultimately took full control, whereupon the Ford name was removed. Trucks sold under the partnership included the TurboDaily tractor unit and the light-duty Cargo, which under full Iveco ownership was later developed into the EuroCargo.

https://www.iveco.com/corporate-en/pages/history.html

 

IVECO increased its presence in the truck market still further with the 1990 purchase of Pegaso, a Spanish manufacturer of commercial vehicles. As part of the acquisition, IVECO also gained control of Pegaso’s British truck-making subsidiary, Seddon Atkinson.
The 1990s saw further new markets open up for Iveco and its truck products, with the establishment in 1996 of a joint venture with the Yuejin Motor Corporation in China, producing light commercial vehicles under the IVECO brand. The following year, IVECO entered the Latin American market, opening up sales to Brazil.
IVECO had also developed considerable presence in the bus and coach markets. In 1999, it was a co-founder, along with Renault, of Irisbus, which resulted from the equal-share merger of the two firms’ interests in the sector. In 2003, IVECO acquired Renault’s share of the Irisbus business.
In 2007, IVECO signed a further deal to develop business in China, this time with Shanghai Automotive Industry Corporation to form SAIC-IVECO Hongyan, producing heavy duty trucks.
Along with other non-automotive divisions, in 2011 IVECO was demerged from Fiat S.p.A to become part of the new Fiat Industrial, Fiat Group’s capital goods division. In 2013, the business was transferred to CNH Industrial, following the merger of Fiat Industrial and CNH Global N.V.

Today, IVECO is the leading European manufacturer of natural gas vehicles, after having launched its first natural gas trucks and buses in 1996, it has produced some 35,000 natural gas powered vehicles to date. Natural gas solutions utilise both CNG (compressed natural gas) and LNG (liquefied natural gas) technology, dependent on the mission, and are available across the entire Iveco range.

 

 

Presented by Romano Pisciotti

Motor Parts Industry (MPI)

IVECO – Nigeria

Facciamolo strano…LET’S STRANGE

 

wer Facciamolo strano...LETS STRANGE Romano Pisciotti

strano Facciamolo strano...LETS STRANGE Romano Pisciotti

 

MOTOR PARTS INDUSTRY (MPI) is the largest stockist of original IVECO spare parts in Nigeria and has a fully equipped workshop where all IVECO vehicles can be repaired.

uytr 1 Facciamolo strano...LETS STRANGE Romano Pisciotti

Schermata 2020 03 04 alle 10.54.50 Facciamolo strano...LETS STRANGE Romano Pisciotti

ROMANO PISCIOTTI

MPI

WORKSHOP: 231 Moshood Abiola Way, Ijora (old APAPA Road)

P.O.Box 198 Apapa, Lagos – Nigeria.

italmotor@gmail.com

 

 

La Nigeria ha le maggiori riserve di gas in Africa

SBLOCCARE IL GAS NATURALE PER AIUTARE A GENERARE LA CRESCITA ECONOMICA

La Nigeria ha le maggiori riserve di gas in Africa, meno del 25% di tali riserve è oggi sfruttato.

Le società petrolifere presenti in Nigeria continuano a contribuire allo sviluppo economico del paese fornendo gas per soddisfare le esigenze domestiche, la produzione di energia e i processi industriali. Il gas è soprattutto consegnato al mercato di esportazione del gas naturale liquefatto (GNL)

La distribuzione nel Paese, sino a pochi anni fa, era vincolata a piccole condotte private, come ad esempio quella di SHELL, per la fornitura a impianti di generazione di corrente elettrica in aree private ben definite. Esistono diversi progetti per la creazione di centrali con turbine a gas.

Il Governo Federale della Nigeria ha reso prioritario sbloccare e sfruttare il potenziale di questa risorsa per aumentare la fornitura di energia domestica e industriale, aumentare gli standard di vita e sostenere la crescita economica e la diversificazione sostenibili.

ESPANSIONE DELLA PRODUZIONE DI GAS

E’ in via di potenziamento la produzione di gas naturale per l’utilizzo domestico. Ci sono ambizioni di crescita nei settori off-shore che includono l’espansione della produzione di gas naturale.
Il gas rimane una risorsa strategica in un mercato globale sempre più competitivo.

Per la Nigeria la “riserva” principale di gas è il recupero dello stesso nelle aree di produzione petrolifera, dove attualmente viene, minimamente, utilizzato per la re-iniezione nei pozzi, mentre la gran quantità è ancora bruciata nell’atmosfera.

Le attuali opportunità di utilizzare il gas in Nigeria includono: Gas per re-iniezione, Gas per energia, Gas per petrolchimica (come materia prima), Gas naturale liquefatto (GNL), Gas di petrolio liquefatto (GPL) e Gas naturale compresso (GNC).

AUTOTRAZIONE

In Nigeria, l’uso del metano come carburante per autotrazione presenta gli ovvi vantaggi che stanno portando in tutto il mondo a una nuova valorizzazione di questo carburante, ma occorre aggiungere che il Paese, pur essendo uno dei maggiori produttori di petrolio, non è autosufficiente nella produzione di benzina e gasolio:

i prodotti raffinati sono importati e il Governo versa un notevole contributo per calmierarne il prezzo sul mercato locale; oltre a ciò occorre tener presente che il prezzo del gasolio è superiore a quello della benzina e che l’ottanta percento dei trasporti sono effettuati su gomma….è chiaro, da ciò, che i risparmi in gioco nell’utilizzo del metano (GNC) costituiscano un obbiettivo per il Paese e per gli autotrasportatori.

Alcune società sono già impegnate nella distribuzione del gas con auto cisterne per il rifornimento di alcuni clienti o alcuni piccoli distributori, oggi si sta potenziando questa distribuzione con la creazione di vere stazione di servizio e centri di stoccaggio.

Motor Parts Industry, concessionario IVECO

Presentato da Romano Pisciotti ( ITALMOTOR)

IVECO spin-off

NEW YORK – Una “road map” per creare valore. È questo il senso del piano industriale al 2024 presentato ieri da Cnh Industrial a Wall Street. Il perimetro dell’operazione, come anticipato, prevede la divisione del gruppo in due società quotate con lo spin off all’inizio 2021 dei camion Iveco e dei motori Fpt Industrial.

Cambiare per vincere
Il piano denominato non senza enfasi “Transform 2 Win” oltre allo scorporo, punta al raddoppio dei profitti e dei dividendi a fine 2024. John Elkann, presidente e ad della holding di controllo Exor ha commentato: «In qualità di maggiore azionista singolo di Cnh Industrial, Exor assicura pieno sostegno a questo piano, che mira a liberare tutto il potenziale della società, nell’interesse dei suoi azionisti».

Al completamento dello scorporo Exor continuerà ad essere azionista di riferimento in entrambe le società. Cnh Industrial, dunque, si divide in due. Lo scorporo arriva appena sei anni dopo la creazione di Cnh. Quando Fiat Industrial, nel settembre 2013, decise di quotare in una società a parte le attività legate a macchine agricole e veicoli commerciali….CONTINUA A LEGGERE:https://amp-ilsole24ore-com.cdn.ampproject.org/c/amp.ilsole24ore.com/pagina/ACBihth

 

Presentato da Romano Pisciotti

INFO IVECO NIGERIA italmotor@gmail.com