L’inferno americano

Una bella analisi di
Eugenio Palazzini
Negli USA a contare è solo la spietata realtà di un perpetuo Far West.
E questa ci dice, senza girarci troppo intorno, che negli Stati Uniti non si intravedono possibilità di integrazione e orizzonti di convivenza pacifica.
Il multiculturalismo americano è in realtà uno spietato multirazzismo dove domina il richiamo del sangue e dove si torna sempre al sangue. Back to blood, per dirla con Tom Wolf. E’ qui che l’appartenenza all’etnia si è sempre fatta ghetto, dove il miraggio di una simpatica Babilonia oscilla tra l’anelito di dorate supremazie e cavernicoli slum in cui sfogare la rabbia del presente.
Non c’è spazio per alcun sogno, ci si insozza della propria merda e si abbandona la speranza. Un girone dantesco che non prevede purgatori, si passa dall’inferno al paradiso consapevoli che li divide una sottile linea rosso sangue: nel ghetto tutto fa schifo ma è l’unico spazio dove si può contare qualcosa. Ne emerge un’unica certezza: di fronte a questa varietà umana, spesso avvilente, si distinguono per arrendevolezza i bianchi angloamericani, in preda al tramonto psicofisico (e metafisico) che campa di una rendita ormai lacera. Loro non riescono a rifugiarsi neppure nel ghetto. Senza più sangue, restano le menti sospese di Elvis, the Pelvis.
Romano Pisciotti: Il sogno americano è una leggenda !!

Antitrust law and antitrust compliance

Rechtsanwalt Dr. Rübenstahl has worked as a defense lawyer and in an advisory capacity in the areas of white collar crimes, criminal law and criminal tax law for over fifteen years. He began his career at a law firm which specialized in appeals of criminal cases at the Federal Court of Justice’s seat in Karlsruhe. He has also worked in large international law firms in Frankfurt, with an increasing focus on the areas of compliance and internal investigations. Between 2015 and 2017, he was a successful attorney and founding partner of a renowned boutique criminal-law firm specializing nationwide in medical, white collar, and criminal tax-law with offices in Cologne, Frankfurt am Main, and Berlin before founding the law office of Rübenstahl and Associates in 2018.

aser 1024x396 Antitrust law and antitrust compliance Romano Pisciotti

Rechtsanwalt Dr. Markus Rübenstahl, Mag. iur., is Co-Editor of the first edition of the book “Kartell Compliance | Prävention – Investigation – Corporate Defense – Remediation” and author of the chapter „Strafbare Submissionsabsprachen und (Submissions-)Betrug“. The handbook covers the topic of civil and criminal offences, antitrust law and antitrust compliance comprehensively. In the book you will also find chapters on antitrust compliance requirements in CH, A, F, I, E, USA, China, Russia and Brazil.

Markus Ruebenstahl Best Lawyers 2020@2x 1024x347 Antitrust law and antitrust compliance Romano Pisciotti Kartell Compliance 768x1024 Antitrust law and antitrust compliance Romano Pisciotti

 

Presented by Romano Pisciotti

BLOW TO DEMOCRACY

ItEng.version BLOW TO DEMOCRACY Romano Pisciotti
It:Eng.version

Assange arrested: Ecuador revokes political asylum
11 April 2019, by Alessandra Caparello
Since 2012 he lived in the Ecuadorian embassy in London and this morning Julian Assange, the 47-year-old founder of Wikileaks, was arrested.

In the Ecuadorian embassy Assange had been for seven years when, instead of surrendering to Scotland Yard to be extradited to Sweden and being questioned about the rape allegations, he took refuge in the London embassy and asked for asylum. Asylum granted by the then president Rafael Correa who considered the worries of the founder of WikiLeaks based on which the extradition to Sweden would have exposed him to the risk of an extradition to the United States, where he is accused for the publication of secret documents of the American government. The new Ecuadorian president Lenín Moreno, since he was elected in 2017, had always said he wanted to review Assange’s situation and today he lifted the political asylum.

However, Moreno explained that he had received assurances from the United Kingdom that Assange would not be extradited to countries that provide for the death penalty. Scotland Yard was thus able to break into the embassy and proceed to the arrest of Julian Assange who is now in the central station of London of the British police.

Assange’s arrest, after 7 years of unjust deprivation of liberty, is a disturbing manifestation of intolerance towards those who promote transparency and freedom like WikiLeaks. British friends, the world is watching you, Italy is watching you. Freedom for Assange ”.
These are the words of Italian Undersecretary for Foreign Affairs, Manlio Di Stefano. Russia also condemns the arrest of Assange through the spokesman of the Russian Foreign Ministry, Maria Zakharova.

The arrest in London of the founder of Wikileaks is a blow to democracy.

 

Assange arrestato: Ecuador revoca asilo politico
11 Aprile 2019, di Alessandra Caparello
Dal 2012 viveva nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra e stamani Julian Assange, il 47enne fondatore di Wikileaks, è stato arrestato.

Nell’ambasciata ecuadorena Assange si trovava da sette anni quando invece di consegnarsi a Scotland Yard per essere estradato in Svezia ed essere interrogato in merito alle accuse di stupro, si è rifugiato nell’ambasciata di Londra e ha chiesto asilo. Asilo concesso dall’allora presidente Rafael Correa che ritenne fondate le preoccupazioni del fondatore di WikiLeaks secondo cui l’estradizione in Svezia lo avrebbe esposto al rischio di un’estradizione a sua volta negli Stati Uniti, dove è accusato per la pubblicazione di documenti segreti del governo americano. Il nuovo presidente ecuadoriano Lenín Moreno, da quando era stato eletto nel 2017, aveva sempre detto di voler rivedere la situazione di Assange e oggi ha revocato l’asilo politico.

Moreno ha comunque spiegato di aver ricevuto rassicurazioni da parte del Regno Unito sul fatto che Assange non verrà estradato in paesi che prevedono la pena di morte. Scotland Yard ha potuto così irrompere nell’ambasciata e procedere all’arresto di Julian Assange che ora si trova nella stazione centrale di Londra della polizia britannica.

L’arresto di Assange, dopo 7 anni di ingiusta privazione di libertà, è una inquietante manifestazione di insofferenza verso chi promuove trasparenza e libertà come WikiLeaks. Amici britannici, il mondo vi guarda, l’Italia vi guarda. Libertà per Assange”.
Queste le parole del sottosegretario agli Esteri italiano, Manlio Di Stefano. Anche la Russia condanna l’arresto di Assange tramite il portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

L’arresto a Londra del fondatore di Wikileaks è un duro colpo alla democrazia.

Romano Pisciotti BLOW TO DEMOCRACY Romano Pisciotti
Romano Pisciotti

Se la giustizia è una chimera, ancor più lo è quando si tratta di leggi per l’estradizione. Recentemente è stato estradato in Italia il delinquente Cesare Battisti, “eroe perseguitato” per molti e soprattutto per il Governo Francese, dove Battisti ha cominciato la sua latitanza, e il Governo Brasiliano che lo ha protetto per anni. La cosa assurda è che, di fatto, Battisti è stato estradato in Italia per un cambio politico causato da un nuovo Presidente: le leggi non sono cambiate, ma cambiano gli umori e gli atteggiamenti. Nessuno vuole proteggere dei delinquenti, ma occorre dire che le leggi sull’estradizione, per rigidità o lassismo, variano al variare del partito al potere, io sapevo che le leggi sono scolpite nella roccia e devono avere valore assoluto, prescindendo dagli umori del momento. Le leggi che cambiano con le stagioni sono sinonimo di dittatura….che modella le leggi a proprio uso e consumo. Estradare una persona è, sempre, avviarla ad una condanna certa. Gli americani fanno un uso indiscriminato dei mandati di arresto internazionale e troppe nazioni sono degli zerbini, pronti a sacrificare la giustizia per rincorrere…il sogno americano.

If justice is a chimera, it is even more so when it comes to extradition laws. Recently the offender Cesare Battisti was extradited to Italy, a “persecuted hero” for many and above all for the French government, where Battisti began his inaction, and the Brazilian government that protected him for years. The absurd thing is that, in fact, Battisti was extradited to Italy for a political change caused by a new President: the laws have not changed, but the moods and attitudes change. No one wants to protect criminals, but it must be said that the laws on extradition, due to rigidity or laxity, vary according to the party in power, I knew that the laws are carved in the rock and must have absolute value, regardless of the mood of the moment. The laws that change with the seasons are synonymous with dictatorship …. which shapes laws for its own use and consumption. To extradite a person is, always, to start a certain conviction. Americans make indiscriminate use of international arrest warrants and too many nations are doormats, ready to sacrifice justice to chase … the American dream.

I paesi “polizziotto” come ad esempio USA e Germania, ma non solo, amministrano i mandati di cattura internazionali e le relative estradizioni come estensione della loro politica.

Nella UE anche la corte di Giustizia Europea è capace di sentenziare contro ogni logica, anche calpestando i principi espressi nel Trattato di Lisbona in materia di libera circolazione delle persone…e oltre.

The “policeman” countries such as the USA and Germany, but not only, administer international arrest warrants and related extraditions as an extension of their policy.

In the EU, the European Court of Justice is also capable of ruling against all logic, even trampling on the principles expressed in the Lisbon Treaty on matters of free movement and beyond

CURIA Court de Justice BLOW TO DEMOCRACY Romano Pisciotti
CURIA Court de Justice

Romano Pisciotti

FUTURE: AFRICA !!!…FUTURO: AFRICA !!!!

 

By Salih Booker and
Ari Rickman

(Versione originale con traduzione in italiano e miei commenti. Romano Pisciotti)

Beginning in 2035, the number of young people reaching working age in Africa will exceed that of the rest of the world combined, and will continue every year for the rest of the century. By 2050, one in every four humans will be African. At the end of the century, nearly 40 percent of the world’s population will be African. Yet, instead of preparing to build a relationship that can grow with the continent, based upon diplomatic cooperation, the United States is doubling down on more than a decade of reliance on its military as the primary vehicle of engaging with Africa. The consequences, as one might expect, are overwhelmingly negative.

A partire dal 2035, il numero di giovani che raggiungono l’età lavorativa in Africa supererà quelli del resto del mondo messi insieme e continuerà ogni anno per il resto del secolo. Entro il 2050, un uomo su quattro sarà africano. Alla fine del secolo, quasi il 40% della popolazione mondiale sarà africana. Eppure, invece di prepararsi a costruire un rapporto che possa crescere con il continente, basato sulla cooperazione diplomatica, gli Stati Uniti stanno facendo affidamento sulle proprie forze armate come principale veicolo per impegnarsi con l’Africa. Le conseguenze, come ci si potrebbe aspettare, sono assolutamente negative.

 

Bimbi FUTURE: AFRICA !!!...FUTURO: AFRICA !!!! Romano Pisciotti

The impending demographic dividend will only add to Africa’s economic importance. Since 2000, at least half of the countries in the world with the highest annual growth rate have been in Africa. By 2030, 43 percent of all Africans are projected to join the ranks of the global middle and upper classes. By that same year, household consumption in Africa is expected to reach $2.5 trillion, more than double the $1.1 trillion of 2015, and combined consumer and business spending will total $6.7 trillion.

L’imminente crescita demografica non farà che aumentare l’importanza economica dell’Africa. Dal 2000, almeno la metà dei paesi al mondo con il più alto tasso di crescita annuale si trova in Africa. Entro il 2030, il 43% di tutti gli africani è destinato a entrare nelle fascia delle classi medie e superiori globali. Entro lo stesso anno, il consumo delle famiglie in Africa dovrebbe raggiungere i $ 2.5 trilioni, più del doppio di $ 1.1 trilioni del 2015, e la spesa congiunta di consumatori e imprese ammonterà a $ 6.7 trilioni.

Romano Pisciotti: …e l’Europa sta a guardare, preoccupandosi solo di raccogliere qualche disperato dal mare.

Tutto questo mentre la Cina sta investendo in modo massiccio nel continente.

… and Europe is watching, just worrying about picking up some desperate people from the sea.

All this while China is investing heavily on the continent.

PAX AMERICANA // American peace

TRUMP:

Anyone doing business with Iran

will NOT be doing business

with the United States.

I am asking for WORLD PEACE, nothing less!

PAX AMERICANA PAX AMERICANA // American peace Romano Pisciotti
PAX AMERICANA

A new package of sanctions will be imposed by Washington in November: they will affect oil, banks and shipbuilding and shipbuilding sectors. In fact, for the White House, Tehran did not follow the nuclear agreements stipulated in 2015, which is why the United States withdrew from the agreement last May. Europe, on the other hand, believes that Iran is respecting its commitments.

 

PAX PAX AMERICANA // American peace Romano Pisciotti
PAX

Trump: ‘Chi fa affari con loro ha chiuso con noi’.

Un nuovo pacchetto di sanzioni verranno imposte da Washington il prossimo novembre: interesseranno petrolio, banche e settori della cantieristica e delle spedizioni navali. Per la Casa Bianca, infatti, Teheran non ha dato seguito agli accordi sul nucleare stipulati nel 2015 ragion per cui gli Stati Uniti, lo scorso maggio, si sono ritirati dall’accordo. L’Europa, invece, ritiene che l’Iran stia rispettando gli impegni

 

Air Force One 300x150 PAX AMERICANA // American peace Romano Pisciotti
Air Force One

 

Bombing 300x176 PAX AMERICANA // American peace Romano Pisciotti
Air Force one…two…three

 

Adelchi – Chorus of the Third Act

And the hoped prize, promised to those strong men,

Would be – oh, deluded! – to overturn the destiny,
To put an end to the pain of a stranger crowd?
Go back to your superb ruins,
To the peaceable works of your scorching workshops,
To the furrows wet with servile sweat.
The strong enemy mingles with the defeated one,
The new lord remains with the old one;
Both peoples weigh on your neck.
They divide serves, divide herds,
They rest together on the bloody fields
Of a dispersed crowd which has no name.

Coro dell’atto terzo dell’Adelchi

E il premio sperato, promesso a quei forti

sarebbe, o delusi, rivolger le sorti,

d’un volgo straniero por fine al dolor?
Tornate alle vostre superbe ruine,
all’opere imbelli dell’arse officine,
ai solchi bagnati di servo sudor.

Il forte si mesce col vinto nemico;
col novo signore rimane l’antico;
l’un popolo e l’altro sul collo vi sta.
Dividono i servi, dividon gli armenti;
si posano insieme sui campi cruenti
d’un volgo disperso che nome non ha.

 

Romano Pisciotti: chi ha autorizzato gli USA a diventare i poliziotti del mondo?

Volkswagen, uno scandalo che scardinerà il modello Germania

di Wolfgang Munchau, con un articolo di Giuseppe Chiellino….segnalato da Romano Pisciotti

Molti scandali si sgonfiano. Altri sono destinati ad assumere dimensioni sempre più grandi. Il caso Volkswagen sarà di quest’ultimo tipo. Le sanzioni e le richieste di risarcimenti danni per la manipolazione da parte di VW dei test sulle emissioni potrebbero facilmente superare i 100 miliardi di euro. I costi economici complessivi dovrebbero, poi, rappresentare un multiplo di quell’importo, ben più dell’onere che la Germania avrebbe dovuto sopportare per l’uscita della Grecia dall’Eurozona.
Fatto ancora più rilevante, lo scandalo Volkswagen ha tutte le potenzialità per scardinare il modello economico tedesco. La Germania ha posto un affidamento esagerato sull’industria dell’auto, così come l’industria dell’auto è stata eccessivamente dipendente dalla tecnologia diesel.

Per parte sua, il potere politico di Berlino ha coccolato la grande industria e ha sempre tutelato i suoi interessi all’estero. La “legge Volkswagen”, infatti, protegge la società da una scalata ostile. Ed è stato un ex top manager di VW, Peter Hartz, a scrivere nel decennio passato la legge di riforma del mercato del lavoro.
In compenso, il colosso industriale contribuisce alla stabilità dell’occupazione a livello regionale. E i meccanismi di voto nel consiglio di sorveglianza garantiscono che l’attività produttiva possa essere trasferita al di fuori della Germania solo con il consenso esplicito dei sindacati. In altre parole, ciò non può avvenire.

Merkel in VW 300x156 Volkswagen, uno scandalo che scardinerà il modello Germania Romano Pisciotti
Merkel in VW

 

In termini di gestione del rischio macroeconomico, si tratta di una strategia sciocca – simile all’affidamento eccessivo che il Regno Unito ripone sui servizi finanziari. Queste strategie funzionano bene fino al momento in cui non funzionano più del tutto.
Per valutarne il più ampio impatto economico, è necessario considerare le dimensioni effettive dell’industria. Queste sono molto più grandi di quanto suggeriscano le statistiche ufficiali che non tengono conto delle interdipendenze tra i settori industriali. L’industria dell’auto è senza dubbio il maggiore acquirente unico di beni e servizi da altri settori. Secondo uno studio pubblicato nel 2008 dall’università di Mannheim, l’industria dell’auto valeva nel 2004 il 7,7% del valore aggiunto prodotto in tutta la Germania, la più alta percentuale di qualsiasi Paese al mondo. La Corea del Sud era al secondo posto con il 5 per cento. La maggior parte dei Paesi europei oscillava tra il 2 e il 4 per cento. L’industria dell’auto, come la manifattura tedesca più in generale, da allora ha fatto bene e oggi non mi aspetto che i numeri siano molto diversi.

Ci sono diverse variabili secondo le quali questa situazione può ora svilupparsi. Il miglior risultato per l’industria sarebbe un periodo di aggiustamento graduale. Di solito, però, la vita non riserva questo tipo di sviluppi. Un esito un po’ più probabile potrebbe essere un aggiustamento accelerato.
VW sta mancando l’obiettivo di un boom di vendite sul mercato Usa. Di conseguenza c’è già una perdita. Se iniziassero ad accumularsi, le perdite commerciali potrebbero facilmente superare i costi di qualsiasi risarcimento legale. Per mantenere le quote di mercato, Volkswagen dovrebbe praticare sconti sui prezzi di listino delle auto. Una combinazione di prezzi più bassi e di volumi di vendite inferiori è il presagio di un periodo di profitti in calo.

Un terzo scenario, ancora più drammatico, sarebbe la svendita di attività al fine di pagare i risarcimenti danni e le sanzioni. Questo sbocco potrebbe essere problematico dal momento che il gruppo Volkswagen funziona come un grande network just-in-time. Seat in Spagna e Skoda nella Repubblica Ceca, entrambe controllate VW, condividono la tecnologia del gruppo di Wolfsburg. Inoltre, poiché il sistema politico tedesco entra in convulsione al solo pensiero di una scalata straniera, per non parlare dello spauracchio dell’insolvenza, la mia ipotesi è che Volkswagen verrà mantenuta in vita attraverso una qualche combinazione di aiuti di Stato, nascosti o palesi che siano.

Tutto ciò potrebbe diventare via-via più costoso nel corso degli anni, e politicamente meno popolare. L’autovettura è un prodotto maturo. Gli atteggiamenti ambientali su scala globale si stanno orientando contro la tecnologia diesel e quelli sociali stanno prendendo di mira l’auto in quanto tale.
Vedo un interessante parallelo con la transizione dall’analogico o al digitale alla fine degli anni 70, quando i tedeschi stavano ancora sviluppando e potenziando le centrali telefoniche analogiche. Che funzionarono bene. E funzionarono meglio della generazione precedente, tanto che avevano un seguito di estimatori entusiasti. Solo che i consumatori non le volevano più.

I Paesi che fanno meno affidamento per la produzione su singoli settori reagiscono in modo più vigoroso quando arriva uno shock. Possono permettersi una politica di non interferenza verso settori specifici fintantoché l’economia è flessibile.
In Germania, tuttavia, non c’è una gran flessibilità tra i settori. Gli ingegneri dell’auto non si riqualificheranno professionalmente per lavorare nell’industria biotecnologica o – il cielo non voglia – nel settore dei servizi. La dipendenza tedesca da poche industrie è una delle ragioni perché è sempre stata piuttosto volatile all’estero l’opinione sulla Germania.
Tutto, infatti, era molto diverso solo dieci anni fa quando si parlava della Germania come del grande malato d’Europa. Trascorsi pochi anni, gli stessi osservatori additavano la nazione tedesca come un caso esemplare di economia competitiva. Il testimone del grande malato ora è nelle mani di qualche Paese ad ovest, come la Francia, o a sud, come l’Italia. C’è tanta volatilità in chi osserva quanta ce n’è nell’oggetto che viene osservato. Ma è l’oggetto in sé ad essere chiaramente volatile.

Questo è il motivo per cui lo scandalo VW conta davvero. Ha tutte le potenzialità per innescare una di quelle trasformazioni che potrebbero cambiare la realtà economica. E una volta che la Germania rallenta, lo stesso non potrà non accadere a un’Eurozona che sta oggi ripensando se stessa proprio in termini tedeschi.
munchau@eurointelligence
Copyright Financial Times 2015
(Traduzione di Marco Mariani)

Abbonati a IL SOLE 24ORE

http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main?fn=homeold

USA: The National Law of Unfair Competition

Schermata 2015 08 25 alle 19.53.10 300x259 USA: The National Law of Unfair Competition Romano Pisciotti
Unfair competition

Romano Pisciotti recommends this book about business competition, infringement of the Law and antitrust:

Schermata 2015 08 25 alle 20.02.45 USA: The National Law of Unfair Competition Romano Pisciotti
Harvard Law Review

Charles Bunn
Harvard Law Review
Vol. 62, No. 6 (Apr., 1949), pp. 987-1001
Published by: The Harvard Law Review Association
DOI: 10.2307/1336314
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/1336314

Immigration policy – comment by Romano Pisciotti

immigration policy 300x227 Immigration policy   comment by Romano Pisciotti Romano Pisciotti
immigration-policy

Gli Stati Uniti discutono le nuove leggi sull’immigrazione

The United States discuss the new immigration rules

 

Captain Romano Pisciotti, surfing USA web